di Calexandrìs

COSCIENZA

L’idea, che sembra banale, è di mettere in fila piccole azioni quotidiane fatte in piena coscienza.

Non lasciare le tazze della colazione sul tavolo, la lavastoviglie da svuotare, la biancheria in lavatrice senza avviarla.
Cominciare dal letto, e non lasciarlo sfatto.
Mettere le cose "a posto".
Magari sentendo, "sentendomi".
Concentrarmi sul mio corpo che si china, si rialza.
Che respira.
Che si affatica, e sappiamo perché.
Che ha delle sensazioni che lascio sempre sullo sfondo.

Riappropriarmi, poco alla volta, di me.
Scoprire chi sono.
E se mi piaccio.

Ecco, speriamo di piacermi.

Per favore, se passate e commentate, non ditemi che è facile, perché non lo è.

Annunci