L’amore è una cosa semplice

di Calexandrìs

Amore è esserci, non come vorrei io, ma come vuoi tu.

Amore è esserci, non come ne avrei bisogno io, ma come ne hai bisogno tu.

Amore è tenderti la mano, sapendo di correre il rischio che tu non la stringa, e farlo lo stesso.
Perché la mia mano è tua, se la vuoi, ma non posso importela solo perché ti amo, la mia mano.

Amore è quando mi allontano se me lo chiedi, o se capisco che vuoi stare solo; e senza mettere il muso.
Amore è tornare da te sorridente quando mi chiami, senza recriminare.

Amore è che io ti dico “ovunque, se vuoi”, e non sto esagerando; o meglio, sto esagerando, ma sto dicendo una cosa dannatamente vera.

Amore è che io sono il compagno alla tua destra, quello che ti protegge con il suo scudo, che è uno scudo fatto delle cose che vuoi, quelle di cui hai bisogno.

Amore è che dopo esserci scambiati parole e sospiri, è prendere atto che ci si scambia la vita, anche; e allora io, e te, diventiamo un io&te, che ha tutto un altro suono.

Amore è pensare che non possa succederti niente di male, ed è una convinzione stupida, perché io mica posso fermare i colpi del fato, e nemmeno quelli delle persone cattive; ma sapere che senza il mio amore ti farebbero più male, di sicuro.

Amore è che dopo giorni di neve e freddo e gelo, e proprio quando sembrava che non finisse più, stasera alle sei era ancora chiaro, e il cielo è rosa. E no, non può essere un caso.

Amore sono io, seduta, qui, che ti penso da qui, e non ho nemmeno bisogno di dirtelo, e non ho nemmeno bisogno di sapere che mi cercherai, perché se ti amo – e ti amo, mi sa – non è nemmeno importante che tu mi cerchi; è solo importante che tu sappia che mi troverai.

L’amore è una cosa semplice: io, qui, per te.

Annunci