Parole (che in spagnolo si dice las palabras)

di Calexandrìs

(è che sono all’unità sui plurali e c’erano continuamente parole come palabras, diarios, libros, leer, cartas: come fai poi a non scrivere, no?)

Io lo so che non mi devo fidare (“se ti fidi questa volta commetti proprio una sciocchineria” mi ha detto Lui, settimane fa ormai, e io mi sono tatuata queste parole addosso da qualche parte).

E so che le parole non contano niente, perché contano i fatti.
E i verbi al futuro nemmeno contano, perché conta solo il presente.
E i fatti, donna; finché non ci sono fatti e mani e progetti e azioni tutto resta uguale.

Io lo so, e me lo ripeto anche.
Tutti i giorni, la mattina, e la sera.

Ma le parole mi scaldano il cuore.
Soprattutto alcune.

Annunci