La felicità delle piccole cose

di Calexandrìs

La misura di quanto io sia lontana dalla saggezza è nel mio non riuscire ad accettare la mediocrità della vita che faccio, l’incapacità di tenere ordinata la scrivania, il disordine mentale e la disorganizzazione che accompagna le mie settimane, il mio desiderio di altrove, contemporaneo al mio non riuscire ad abbellire il qui.
Non saper stare bene da nessuna parte che sia nel presente.
Il mio non saper stare qui.
Il mio non saper stare ora.
Il mio desiderio d nascondermi, annientarmi, sparire.

Morire, anche, a volte.
Ma solo a volte, quindi va bene, mi dicono.

Annunci