Leggere e ricordare

di Calexandrìs

Leggevo, qualche giorno fa sulla pagina Facebook di una scrittrice che amo, una teoria relativa alla stanchezza, il sovrappeso e il freddo.

Dice che essere sempre stanchi, ingrassare e avere sempre freddo sono segni inequivocabili di una sensazione di mancanza d’amore.

Io lo so che quando uno legge delle cose poi naturalmente trova che sono vere; e infatti io mi sono ricordata che 18 anni fa, dopo che è morta mia madre, non riuscivo a stare in piedi, dormivo 18 ore al giorno, mi ingozzavo di Nutella.

Da allora ho aggiunto anche che patisco il freddo praticamente sempre.

Quindi sono in sovrappeso, non riesco a dimagrire, mangio più di quanto consumo, ho bisogno di dormire spesso il pomeriggio e ho sempre sempre sempre freddo.

E in effetti quando penso alla felicità, all’amore, a quelle cose lì, io mi immagino una casa piena di luce, di calore, e me con un corpo asciutto.

Io lo so che quando uno legge qualcosa automaticamente controlla per vedere se sono cose vere.
Ma mi pare di sì, ecco.

Annunci