Are you tired?

di Calexandrìs

Ho una stanchezza dentro che è una stanchezza dell’anima.

Me ne sono accorta perché ieri sera stesa ad aspettare il sonno ho pensato che non me ne andrò mai di qui perché basta, ho bisogno di fermarmi, ho bisogno di presente, ho bisogno di non pensare e di poter fare l’automa: lunedì teatro-martedì inglese-mercoledì salsa-giovedi meeting-venerdì sabato e domenica divano, casa, tè, libro.

Sono così stanca che non riesco a pensare alla settimana prossima, che evito di guardare le scadenze perché mi affatico a pensare di fare i bonifici, che mi appunto mentalmente che devo archiviare i compiti, o studiare un paio di cose e poi non le studio, o andare in centro e poi non vado.

La stanchezza nera dell’accontentarsi di stare così come sto adesso, anche se ho freddo, anche se non ho nessuno che mi abbracci quando ne ho bisogno, anche se più che vivere invecchio.

Poi passa.
O almeno, di solito passa.

Annunci