di Calexandrìs

Stamattina ero davanti allo specchio e mi guardavo, con i miei otto chili in meno, il mio taglio di capelli per cui tutti mi fanno i complimenti, il mio trucco ben dato, il mio biondo a cui non rinuncerei più.

E dopo essermi scoperta, incredula, ancora una volta, bella, mi sono detta che non serve a niente.

Lo sapevo anche prima che non sarebbero stati quei traguardi a fare di me una persona felice e soddisfatta, ma un po’, scioccamente, ci avevo sperato.

Sistemare il fuori per sistemare il dentro.

Però ora posso dire di essere una donna bionda, magra, bella e infelice.

Sono soddisfazioni.