lacasadelsole

Just another WordPress.com site

Mese: giugno, 2017

Le solite lezioni

Oggi parlando di lavoro ho capito che non bisogna mai fidarsi di nessuno e che nessuno ti è mai amico, a meno che non vada tutto benissimo. 

Mai. 

Che palle. 

Annunci

Priorità 

Dove mettiamo le cose importanti?

Sotto a sostenere le fondamenta della nostra vita? Oppure al centro del salotto? E se le lasciamo sotto a fare il loro lavoro, ogni tanto controlliamo che non ci siano infiltrazioni d’acqua? 

Oppure le lasciamo lì, tanto tengono tutto, e ci occupiamo di dare il bianco, di cambiare i tappeti e di rinnovare le tende? 

Quanto siamo capaci a distinguere le cose urgenti da quelle importanti? E, se sappiamo farlo, ce lo ricordiamo sempre?

E, dato che da quando ho un piede che non va mi rendo conto di quanto siano importanti i miei piedi per vivere una vita normale, che poi vivere una vita normale è il prerequisito essenziale per essere felice, cosa dimentico oltre ai miei piedi quando non mi fanno male?

Cosa posso fare meglio?

Posso davvero fare meglio?

20 giugno

Domani inizia l’ennesima maturità, fa caldo, non ho voglia di niente. 

Ho il piede sinistro gonfio, senza motivo e senza che accenni a migliorare.

Sono efficiente, concentrata, impegnata: vedo persone abbronzate che fanno programmi per l’estate mentre compilo to do list impossibili.

Ho la casa trascurata, ho voglia di leggere, ho voglia di silenzio, di traslocare, di dormire, di non svegliarmi.

Volevo un romanzo, ho ricevuto la puntata di un telefilm di sere B di cui so le battute a memoria.

 Vado dormire, che serve.

9 giugno

Domani finisce la scuola e io smetto di essere, per tre mesi, l’unica cosa che so di essere di sicuro. Smetto di fare l’unica cosa che so fare bene di sicuro. Smetto di sentirmi sicura e completa come mi sento quando sono davanti ai miei studenti.

Domani finisce la scuola, io perdo 15 ragazzi splendidi che si diplomeranno senza di me, e ho da scrivere un libro.

Se imparassi a fare bene almeno quello, chissà, magari l’anno prossimo potrei raccontare una storia diversa.

Maschere

È ufficiale: esistono due me. 

Una pubblica, senza paura, sicura di sé e della strada, che ha una risposta a molto. Una che non ha paura di stare da sola e potrebbe tirare giù un pezzo di Alpi se le servisse a qualcosa. 

L’altra, privata, privatissima, che ha paura del futuro, di quello che ha lasciato indietro, delle scelte sbagliate, quelle fatte e quelle da fare, che ha paura di vedersi allo specchio e scoprire delle cose che immagina ma che non vuole sapere davvero. Una che ha paura della solitudine, soprattutto. 

Queste due sono tutte e due vere. Non hanno maschere che percepisco; escono così, un po’ a caso. 

Temo di essere entrambe. 

Vorrei essere una. E serena, come solo le persone che sanno essere una possono essere.