Maschere

di Calexandrìs

È ufficiale: esistono due me. 

Una pubblica, senza paura, sicura di sé e della strada, che ha una risposta a molto. Una che non ha paura di stare da sola e potrebbe tirare giù un pezzo di Alpi se le servisse a qualcosa. 

L’altra, privata, privatissima, che ha paura del futuro, di quello che ha lasciato indietro, delle scelte sbagliate, quelle fatte e quelle da fare, che ha paura di vedersi allo specchio e scoprire delle cose che immagina ma che non vuole sapere davvero. Una che ha paura della solitudine, soprattutto. 

Queste due sono tutte e due vere. Non hanno maschere che percepisco; escono così, un po’ a caso. 

Temo di essere entrambe. 

Vorrei essere una. E serena, come solo le persone che sanno essere una possono essere. 

Annunci